TwitterCon il tempo Twitter é riuscito a dimostrare di essere un valido aiuto per le attività di pubbliche relazioni online.

Vediamo come:

 1) Promuovere la aziende o i prodotti in 140 caratteri

Un Tweet costringe alla sintesi, in 140 caratteri si deve dire, convincere ed emozionare. Impossibile? Assolutamente no.

Sono tanti i professionisti delle PR che creano buzz intorno ad aziende, prodotti,

servizi o individui. Si parla di nuovi lanci, di promozioni speciali, di avvenimenti, ecc. Si possono costruire anche giochi o mini concorsi, per stimolare la partecipazione e la condivisione.

 2) Rispondere a domande o a commenti sui prodotti aziendali

I social network sono condivisione e comunicazione di opinioni tra utenti. Il luogo privilegiato in cui formarsi le idee su movimenti e prodotti. É importante per una azienda saper ascoltare con attenzione cosa si dice e rispondere ai commenti sulla propria attività. La partecipazione attiva e la considerazione delle conversazioni tra utenti certamente migliora l’immagine dell’azienda nei consumatori.

Utilizzare il sito http://search.twitter.com per impostare le varie ricerche relative alla vostra azienda, ai nomi di prodotti, servizi, o al mercato di riferimento.

3) Monitoraggio della Reputazione

Il sito http://search.twitter.com può anche essere usato per monitorare ciò che che si dice sui singoli professionisti che appartengono all’azienda, dal management ai venditori.

Il termine della personal online reputation é sempre piú di attualità, anche per l’intrecciarsi strettamente delle attività svolte sui social come persone e come professionisti.

4) Twitter trasforma tutti in Giornalisti e blogger

Costretti nei 140 caratteri, in tanti si cimentano nella divulgazione di notizie. Dunque questo é un vantaggio sia per le proprie notizie che per quelle pubblicate dai concorrenti, che potranno in questo modo essere controllati sempre molto da vicino.

5) fotografie e video

Su twitter é possibile condividere foto e immagini a corredo del testo. Un modo per essere piú espressivi e convincenti.

Inoltre da poco é disponibile il servizio Twitter Vine: il modo con cui anche con Twitter condividere animazioni e brevi filmati. Come nel testo si é limitati a 140 caratteri, nei video si é costretti a stare dentro i 6 secondi. Una sfida per la creatività. L’aspetto essenziale di Vine sta nella sua capacità di condensare una storia in una manciata di secondi. Per questo motivo, ancor prima di iniziare a filmare servirà una piccola sceneggiatura per impostare le riprese. Twitter  Vine unisce tanti singoli spezzoni un unico, concentratissimo, filmato. Già, ma qual è il numero ideale di sequenze da registrare? Dipende naturalmente dal ritmo – più o meno frenetico – che si vuole dare al proprio filmato.

Conoscete altri modi per usare Twitter? commentate il post o scrivete a comunica@39marketing.it