Lavorare in Team sui Social Network Aziendali

La strategia social di un’azienda non è un’isola lontana dal resto dell’attività di marketing.

Ripensate i processi di comunicazione perché tutti i team coinvolti nella promozione e nelle vendite siano allineati e collaborino all’ottenimento dei risultati!

# 1: condividere le decisioni di pianificazione

Che la vostra azienda stia lavorando su campagne annuali o periodiche, attraverso canali tradizionali o digitali, il team Social dovrebbe essere coinvolto perché può apportare informazioni complementari e arricchire la dashboard strategica.

Per esempio i social media manager possono sapere e quindi condividere:

a) Posizionamento e opportunità di crescita in aree di mercato scoperte.
Per esempio, se dovete promuovere una campagna sconti, il team social è in grado di monitorare le strategie online dei concorrenti o i messaggi più interessanti per catturare l’attenzione dei lettori.
b) Oppure se servono dati per un nuovo posizionamento del marchio, i social manager che gestiscono community online e conoscono i forum di riferimento possono avviare campagne di test o sondaggi.

# 2: sostenere le nuove iniziative

I social media sono un ottimo palcoscenico per rafforzare qualsiasi attività di lancio di prodotti, marchi, promozioni. Il team che segue i social media può creare campagne a pagamento ad hoc, e creare partnership con influenzatori e sostenitori del brand.

In questo modo tutte le campagne promozionali saranno coerenti e allineate.

# 3: ottimizzare la diffusione dei contenuti aziendali 

La squadra che segue i social network aziendali, è in grado di valorizzare al meglio i contenuti promozionali e descrittivi dell’azienda e dei suoi prodotti.

I social media sono il canale migliore per allungare la vita di tutti i contenuti, grazie alle condivisioni, ai commenti e alla possibilità di trasformare i messaggi nella forma e nella diffusione.

# 4: sviluppare il pensiero Leadership di posizionamento

Molte marche hanno l’opportunità di sfruttare i socia media per costruire la propria leadership di mercato, attraverso i canali personalizzati con cui allacciare rapporti con influenzatori e sostenitori. I social media, attraverso le conversazioni spontanee, supportano in modo magistrale la creazione della reputazione e autorevolezza.

Conclusione

I social media sono una delle componenti dell’intero piano di content marketing digitale, le potenzialità offerte dal chiacchiericcio (buzz) dei consumatori sono immense e possono avere un impatto positivo sulle strategie aziendali e di promozione del brand. Saperle sfruttare bene e soprattutto saperle adattare perché supportino il raggiungimento degli obiettivi aziendali è una delle pietre angolari di qualsiasi content strategy!

Cosa ne pensi? Chi si occupa dei social network in azienda è sempre coinvolto e al corrente di tutte le attività di marketing e comunicazione?

Se i social media li segue un consulente esterno, riesci a coinvolgerlo nella pianificazione promozionale?

Il #buongiorno di 39Marketing – 10 – il risveglio del Content Marketing


Domenica 3 aprile

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 2 aprile

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì 1 aprile

//platform.twitter.com/widgets.js


martedì 29 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js

Content Strategy e Content Plan

La Content Strategy è ciò che può fare la differenza tra successo e fallimento nell’era del marketing digitale.

La Content Strategy è democrazia applicata al marketing perché consente alle aziende di competere praticamente alla pari in rete, che si abbiano budget grandi o piccoli.

La Content Strategy aiuta il vostro business a distinguersi dalla concorrenza e ad emergere nel proprio mercato di riferimento grazie al valore informativo e alla qualità.

Così si organizza una Content Strategy? 

  1. Preparare un piano dei contenuti rilevanti per promuovere l’offerta dell’azienda e supportare gli obiettivi di vendita
  2. Decidere i canali di comunicazione su cui investire tempo e budget (se se ne dispone). La scelta avviene in base all’analisi di quali siano i più usati dal proprio target di riferimento. Se i vostri clienti sono altre aziende e avete un target business LinkedIn non può mancare tra le vostre scelte. Se vendete nel mercato retail Facebook, Twitter, Snapchat, Periscope saranno i vostri migliori alleati.
  3. Gestire un Blog o un VideoBlog a seconda dei contenuti da trasmettere e delle vostre capacità. Attenzione anche a verificare se il vostro pubblico preferisca leggere o guardare.
    Per avere successo con un blog è fondamentale avere un buon piano di contenuti, perché è facile iniziare a scrivere post per un blog, o scrivere di contenuti per il sito web, ma se non seguiamo obiettivi precisi risulteranno poco efficaci e poco coerenti tra loro e rispetto agli obiettivi di vendita. Stendere il calendario editoriale è la strada giusta da seguire.

Come si organizza il calendario editoriale e quali contenuti inserire?

Ecco qualche domanda che potrai usare come traccia per realizzare un solido piano di content marketing

  • Quali benefici si ottengono con i nostri servizi e prodotti?
  • Quali sono le domande che i clienti di solito ci fanno prima di acquistare?
  • Chi sono esattamente i nostri interlocutori? tecnici, esperti, sviluppatori, titolari e manager?
  • Cosa scrive e pubblica la concorrenza e la stampa di settore?
  • Quali sono i pregiudizi e i falsi miti del nostro settore di attività?
  • Come si possono attirare nuove persone verso i nostri argomenti e proposte?

Quanto scrivere e con quale frequenza?

Per i testi, in modo molto pratico, si può dire che la soglia media perchè Google indicizzi un contenuto è che questo sia lungo almeno 250-300 parole. Ai fini SEO, il contenuto deve essere minimamente quella lunghezza.

Generalmente i post del blog o gli articoli di una pagina del sito web possono variare tra la lunghezza minima per Google, e 2.000 parole o giù di lì.

Quando si scrivono testi lunghi, è fondamentale però chiedersi se davvero sia un argomento così interessante per i lettori e aiutare la lettura, dividendo il testo con sottotitoli, elenchi e paragrafi brevi, inserendo immagini.

Per quanto riguarda la frequenza, per un Blog bisognerebbe pubblicare almeno un post a settimana, per i siti web anche un pò meno, certamente molto di più per i social media, per cui è necessario prevedere un contributo al giorno almeno e tanta attenzione alle conversazioni in corso.

Content Strategy e il relativo piano di Content Marketing sono questione di organizzazione e pianificazioni. Bisogna solo partire bene con quest’ottica, i successi arriveranno!

Donatella Ardemagni – www.39marketing.it

 

 

Google cambia ancora: dove sono gli annunci AdWords?


Febbraio 2016: un altro nuovo cambiamento Google per non annoiarsi e rimanere concentrati sul posizionamento organico, a pagamento e la SERP.

Cosa succede?

A partire dal Venerdì 19 febbraio, gli annunci Google AdWords vengono visualizzati solo nella parte superiore e inferiore della pagine di ricerca, e contemporaneamente, però, Google ha aumentato il numero di annunci visualizzati da tre a quattro, se la query di ricerca è “altamente commerciale”.

Questo cambiamento servirà ad allineare l’esperienza di visualizzazione della pagina di ricerca da desktop con quella da mobile, anche se se l’aumento della quantità di annunci mostrato agli utenti da smartphone non è ancora certo sarà confermata.

Che cosa significa questo per il marketing digitale e gli utenti?

Per gli inserzionisti delle campagne PPC pagamento il cambiamento significa la necessità di migliorare il punteggio qualità dei propri annunci

La sfida per chi investe nel posizionamento a pagamento diventa quindi la capacità di ottenere le prime posizioni negli annunci, per avere la giusta visibilità.

Questo significa non solo competere sul costo per click, ma soprattutto migliorare il copy degli annunci e soprattutto la coerenza della pagina di approfondimento collegata ad ogni annuncio. Anche per le campagne PPC il content marketing diventa fondamentale!

Certamente, comunque, il costo per click medio si alzerà inesorabilmente, dando a Google maggiori profitti e rendendo la vita più difficile agli inserzionisti.

Resta sempre da tenere a mente che gli annunci laterali, dai conti fatti da Google stessa, rappresentavano solo il 14,6% dei Click su PPC, dunque una quota di click e impression davvero modesta, considerando che aumentando gli annunci in alto si perdono meno posti e che, essendo un cambiamento solo per le ricerche desktop,  la metà di tutte le ricerche online, l’impatto del cambiamento è il 14,6% / 2 = 7,3% delle query totali.

Per chi investe molto nel posizionamento organico, il tempo si mette al meglio!

Certamente si tratta di una rivincita per lo spazio occupato dai risultati in posizionamento organico, che acquisiscono migliore visibilità.

Per le aziende questo significa che lo spazio organico va conquistato con un serio programma di content marketing per rendere la propria offerta più visibile.

Cosa significa raggiungere il posizionamento organico in Google?

  • produrre contenuti di alta qualità che rispondano alle esigenze dei clienti
  • identificare gli argomenti più richiesti
  • produrre una varietà di tipi di contenuti, tra cui video, articoli e infografiche, per affrontare le questioni interessanti per gli utenti nel migliore dei modi
  • monitorare e misurare il progressivo successo nel posizionamento organico
  • verificare i tassi di interazione e conversione.

Oltre a produrre i contenuti per la rete di ricerca, sarà inoltre necessario dedicare tempo per sviluppare una forte presenza sui social media, che sempre più influenzano la pagina di ricerca in Google.

Quali sono le opportunità dei social media per il posizionamento organico? 

  • è possibile interagire direttamente con i vostri potenziali clienti attraverso le piattaforme di social media
  • è possibile rispondere alle domande degli interlocutori interessato, contribuendo a creare la propria immagine come un’autorità di settore
  • è possibile condividere e promuovere il suo sito web, e farne crescere il pubblico

Lo sappiamo, Google non ci lascia mai annoiare e stimola con continui cambiamenti. Un principio basilare su tutti: i cambiamenti vanno sempre nella direzione del miglioramento della qualità nella esperienza di ricerca degli utenti, e di questo ne siamo contenti.

Il miglior terreno su cui confrontarsi con progetti di Content Marketing seri ed efficaci!

Il #buongiorno di 39Marketing – 9 – il risveglio del Content Marketing


Domenica 20 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 19 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì 18 marzo


Giovedì 17 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì 16 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 15 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì 14 marzo

//platform.twitter.com/widgets.js

Il #buongiorno di 39Marketing – 8 – il risveglio del Content Marketing

social-419939_640Domenica 13 marzo

 


Sabato 12 marzo

 


Venerdì 11 marzo

 


Giovedì 10 marzo

 


Mercoledì 9 marzo

 


Martedì 8 marzo

 


Lunedì 7 marzo

 

Segui 39Marketing su Twitter

Perché le Google AdWords sono così famose e richieste dalle Aziende?

Semplice!

  • Perché se fatte bene funzionano.
  • Perché sono una scorciatoia al posizionamento organico
  • Perché si ottengono risultati di visibilità in breve tempo

Farle bene però non è così semplice.

E’, infatti, necessario saper maneggiare una serie di aspetti che contribuiscono in modo diretto al successo di una Campagna Google AdWords

  • saper gestire i 25 caratteri del titolo di un annuncio, e i 70 caratteri delle linee di descrizione inserendo un tema accattivante che porti il lettore a cliccare il link
  • saper definire con attenzione la pagina di atterraggio (landing page) per ogni annuncio Google AdWords. La Landing page deve
    1. essere contestuale e specifica al contenuto dell’annuncio sia nella parte leggibile che nell’uso delle parole chiave
    2. essere progettata per condurre il lettore, dopo aver ricevuto le informazioni, a compiere un passo successivo come scaricare un test, un e-book, contattare l’azienda, ecc.
  • saper tracciare i risultati collegando laccount Google AdWords con quello Google Analytics, per poter analizzare il comportamento dei cliccatori all’interno del sito: quante pagine leggono, per quanto tempo, la percentuale di frequenza di rimbalzo, ecc
  • saper valutare la campagna Google AdWords utilizzando la funzione Report interna, uno strumento che consente di ricevere via mail lo status dei risultati anche giorno per giorno
  • avere il tempo di ottimizzare la campagna grazie alle analisi dei risultati. Modificare gli annunci che funzionano meno, creare varianti di quelli che performano meglio, creare nuovi annunci usando le parole chiave più remunerative, investendo maggiormente sulla pubblicazione degli annunci su desktop o mobile, a seconda del vostro business.

E voi? Avete già fatto campagne Google AdWords? Sono state utili? Tutti i passaggi elencati sono stati utili?
comunica@39marketing.it

Il #buongiorno di 39Marketing – 7 – il risveglio del Content Marketing

calendar-1174839_960_720Domenica 6 marzo

 


Sabato 5 marzo

 


Venerdì 4 marzo

 


Giovedì 3 marzo

 


Mercoledì 2 marzo

 


Martedì 1 marzo

 


Lunedì  29 febbraio

 

Segui 39Marketing su Twitter

Content Marketing e Giornalismo: ci sono affinità?

Il Content Marketing ha delle affinità con il giornalismo? Il cronista e il marketer che crea contenuti per promuovere prodotti e professionalità hanno un compito simile?

In effetti, è facile trovare più di qualche somiglianza tra queste due professionalità.

Vediamone alcune

1) Focus su tempi e scadenze

Il giornalista, come il marketer, sa di dovere rispettare delle scadenze precise. Non può perdere una notizia così come nel content marketing non si può far passare troppo tempo tra un commento ricevuto su un articolo e la risposta, o lasciare lunghi vuoti tra un articolo e il successivo.
Nel marketing, come nella cronaca, il contenuto e le scadenze sono vitali.

2) Il valore delle domande

I giornalisti, come i marketer, devono saper porre delle domande ai loro interlocutori, per capire esattamente cosa comunicare e per indagare in profondità il tema.
Il Marketer sa che, soprattutto se non appartiene all’azienda, ma è un consulente esterno, deve fare le giuste domande per aiutare l’interlocutore a ricordare le cose principali da raccontare e per comprenderle a fondo. Solo in questo modo si avranno argomenti interessanti da raccontare in forma coinvolgente e un content marketing di successo.

3) Andare al punto della questione

I giornalisti come i marketer possono narrare in modo avvincente un evento, fare dell’affascinante storytelling, ma sanno che per essere davvero efficaci devono arrivare al punto della questione. Solo così possono aiutare i lettori a farsi un’opinione e ad essere interessati al contatto con l’azienda.

4) Lo Storytelling e il linguaggio evocativo

Giornalisti e marketer condividono la necessità di scrivere e rappresentare gli argomenti in modo semplice e chiaro, comprensibile da un pubblico non sempre tecnico, e soprattutto emozionante, per convincere e avvincere.

5) La curiosità verso il mondo

Giornalisti e Marketer devono essere sempre “all’erta”, avere uno sguardo aperto e curioso sul mondo. Solo in questo modo per loro è possibile trovare l’ispirazione per creare contenuti originali e innovativi, capaci di sorprendere e combattere la concorrenza.

Voi cosa ne dite?

Il #buongiorno di 39Marketing – 6 – il risveglio del Content Marketing

once-upon-a-time-719174__180Domenica 28 febbraio

 


Sabato 27 febbraio

 


Venerdì 26 febbraio

 


Giovedì 25 febbraio

 


Mercoledì 24 febbraio

 


Martedì 23 febbraio

 


Lunedì  22 febbraio

 

Segui 39Marketing su Twitter

Come generare nuovi contatti e accelerare il ciclo di vendita grazie al marketing online?

analytics-925379_960_720E’ possibile creare nuovi contatti o accelerare il ciclo di vendita con il marketing online?
La rete e i social network offrono certamente uno strumento di comunicazione gratuito che le aziende possono sfruttare al loro meglio, ma i risultati migliori nel marketing online arrivano quando

  • Si DEFINISCONO I TARGET che l’azienda vuole raggiungere, attraverso lo strumento di comunicazione online
  • Si INDIVIDUANO I DESTINATARI della comunicazione e dei contenuti
  • Si CREANO CONTENUTI adatti ad ogni gruppo di destinatari, e a tutte le fasi del ciclo di vendita: generazione contatto, richiesta informazioni, trattativa, vendita, customer care
  • Si PIANIFICA la pubblicazione dei contenuti creati su sito web e social media diversi, con linguaggi e tempi diversi, per poter raggiungere il massimo della DIFFUSIONE
  • Si MISURANO i risultati per migliorare ulteriormente i risultati nelle successive campagne.

Il Content Marketing è quindi il punto centrale nel processo di inbound marketing e diventa efficace se

  • Prima vengono scelti i giusti argomenti per supportare il raggiungimento degli obiettivi di vendita, e se si conoscono bene i destinatari a cui ci si rivolge.
  • Dopo la creazione dei contenuti essi vengono diffusi nel modo corretto, attraverso gli strumenti migliori e destinati ai giusti interlocutori, nella fase di acquisto in cui si trovano (valutazione, decisione, acquisto), e infine misurati i risultati.

Il Content Marketing diventa quindi chiaro non sia solo un compito del team marketing, ma come giustamente lo definiscono gli americani, diventa SMarketing (sales+marketing).

Gli obiettivi da raggiungere, per cui si crea il piano di contenuti a supporto, sono per lo più target di vendita, ecco perché il content marketing per essere efficace deve essere concordato tra marketing e vendite.

I temi e le leve che rendono unico un prodotto o un servizio sono individuati dalle vendite, mentre al marketing spetta il ruolo di scegliere le giuste chiave, di creare un racconto efficace (storytelling) e di scegliere i giusti strumenti per raggiungere il pubblico più ampio possibile.

In questo modo verranno generati nuovi contatti (lead), accelerati i cicli di vendita e soprattutto migliorata la customer care.

L’idea ti convince ma non sai come fare? Contattaci possiamo creare un percorso formativo per far crescere il tuo personale o lavorare al tuo fianco per realizzare un piano di content marketing efficace.

www.39marketing.it

Il #buongiorno di 39Marketing – 5 – il risveglio del Content Marketing

Domenica 21 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 20 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì 19 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Giovedì 18 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì 17 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 16 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì  15 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js

Segui 39Marketing su Twitter

Perchè un’azienda dovrebbe aprire un blog?

wpvsbloggerBlog: sappiamo esattamente di cosa parliamo?

La cosa fondamentale da sapere è che “blog” e’ un termine che si è evoluto nel corso degli anni, in modo da assumere forme e utilizzi molto diversi tra loro.

Il Blog certamente non e’ più solo la scrittura di un post su WordPress o Blogger, anche Twitter e Tumblr sono piattaforme di blogging, anche Pinterest e’ uno strumento di blog per immagini – photoblog, Periscope e’ la soluzione piu’ semplice di video blogging, ma di esempi se ne potrebbero fare molti altri.

Il blog e’ diventato dunque una forma completa di content marketing con cui pubblicare e condividere testi, immagini, video in modo integrato con il resto della strategia di comunicazione aziendale.

Per una azienda cosa significa avere un blog?
Un blog aziendale diventa quindi una piattaforma di pubblicazione di contenuti dedicati a un settore e a un pubblico specifico. Il blog fornisce un canale tematico in cui raccogliere informazioni, offrire un punto di vista e spiegazioni professionali su un argomento e accogliere domande e discussioni con lettori interessati ad approfondire per decidere un acquisto.
Il blog e’ certamente uno strumento di marketing dai risultati a medio e lungo termine, ma offre dei risultati stabili e concreti.

Quali sono i vantaggi di un Business Blog?

  • Offrire un modo alternativo per promuovere il punto di vista dell’azienda
  • Incrementare la reputazione aziendale come leader specializzato di settore
  • Creare traffico qualificato e in target sul sito web aziendale, collaborando con la strategia di Search Engine Optimization (SEO).
  • Raccogliere nominativi per migliorare la mailing list usata per le newsletter
  • Generare nuovi contatti interessati a fare domande per capire meglio le informazioni lette

Come si parte con un blog aziendale?
E’ più facile di quanto si pensi. Con piattaforme come WordPress, LinkedIn, Blogger aprire un blog e personalizzarlo con la corporate image e’ molto semplice.

Quello che farà il successo è quanto si pubblicherá all’interno, seguendo un piano di content marketing capace di promuovere gli obiettivi aziendali al giusto pubblico.

E’ importante, infatti, non commettere l’errore di non avere un calendario di contenuti da creare secondo un ordine e un filo logico preciso, studiato per creare risultati positivi in termini di visibilitá in rete e nuove opportunitá di vendita.
Senza un calendario si finirá per scrivere sempre degli stessi temi o di contenuti non coordinati con quelli spinti dal piano di marketing.
Oppure si rischierà di non riuscire a publicare nulla per mancanza di tempo e di creativitá.

Come si misurano i risultati di un blog aziendale?
Le metriche da valutare per comprendere i risultati portati da un blog aziendale sono:

  • Numero di visitatori/lettori
  • Numero di click dal blog al sito web o ad una landing page di approfondimento/vendita
  • Numero di condivisioni dei post su social media e numero di commenti

Come potete immaginare, dopo aver letto quali siano le metriche per un blog, un blog non ha un impatto immediato e diretto sulle vendite, ma serve a generare traffico qualificato verso il sito web e landing page di approfondimento, studiate per convertire i lettori in potenziali clienti (lead)

Questo porta a riflettere ulteriormente sul tipo di contenuti che un blog debba ospitare: post dal taglio informativo, capaci di attirare chi in rete cerca informazioni da parte di esperti su determinati argomenti e tematiche.

 

Pensi che sia una buona idea aprire un blog aziendale, ma hai paura che sia un progetto troppo ambizioso? Contatta 39Marketing, potremo studiare un progetto formativo o una consulenza per accompagnarti passo passo in questa attivita’ di marketing online. Contatti

 

Il #buongiorno di 39Marketing – 4 – il risveglio del Content Marketing

hearts-37308__180Domenica 14febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 13 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì 12 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Giovedì 11 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì 10 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 9 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì  8 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js

Segui 39Marketing su Twitter

Il #buongiorno di 39Marketing – 3 – il risveglio del Content Marketing

calendar-1176594_960_720Domenica 7 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 6 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì  5 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js


Giovedì  4 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì  3 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 2  febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì  1 febbraio

//platform.twitter.com/widgets.js

Segui 39Marketing su Twitter

Google Adwords e Content Marketing: due universi paralleli o un’unica strategia?

analytics-925379_960_720
Per ottenere visibilità in rete e soprattutto attrarre nuovi clienti ci sono due metodi principali da prendere in considerazione

  • Google Adwords a pagamento
  • Content Marketing senza costi pubblicitari

Entrambi essenzialmente portano allo stesso obiettivo: guidare potenziali clienti verso la vostra attività, ma in modi diversi.

Google Adwords

Google Adwords fornisce l’accesso alla piattaforma più grande e più efficace pay-per-click.

Un potente mezzo per guadagnare visibilità sui motori di ricerca e per attrarre un gran numero di nuove opportunità commerciali. Tuttavia, i costi associati a questo metodo possono essere molto alti. Questo dipende da cose come la competitività (richiesta da parte di altri inserzionisti) delle parole chiave, il numero di clic, e le percentuali di clic rispetto al numero di visualizzazioni (impressions)

Google Adwords di solito garantisce risultati rapidi, tracciabili e specifici. Il mezzo ideale se si dispone di un budget di marketing e si vogliono risultati commercial immediati

business-1137367_960_720Content Marketing

Una strategia di marketing online completa, finalizzata a creare, a pubblicare e a far condividere contenuti di alta qualità, pertinenti e coerenti per attirare un pubblico mirato, stimolato e interessato ad un contatto successivo.

Il Content marketing sviluppa la propria efficacia su tutti gli strumenti e i mezzi di diffusione dei contenuti promozionali di una azienda, rappresentando una strategia completa.

Più economico, meno rischioso dal punto di vista finanziario, richiede però tempi più lunghi per risultati commerciali e il tempo dedicato da parte di collaboratori o agenzia di comunicazione esterna.

Certamente il Content marketing per sviluppare la notorietà del marchio e dei prodotti o la reputazione di una azienda è indiscutibilmente la strada migliore.

Attenzione però che se siamo riusciti a spiegare bene cosa sia il Content marketing e come pervada l’intero piano di comunicazione online e non solo, risulta chiaro che Google Adwords non è uno strumento al di fuori di questa strategia.

La scelta delle parole chiave (Keyword), i testi degli annunci, i contenuti delle pagine di approfondimento collegate agli annunci sono frutto della medesima strategia di Content marketing.

E’ assurdo ancora vedere aziende che investono in Adwords acquistando il proprio nome come parola chiave, le campagne pay-per-click devono aiutare a vendere prodotti, non a fare promozione del brand !

Per l’azienda chi si occupa di Content Marketing, che sia interno o sia una agenzia di Content marketing esterna, è importante avere una unica visione chiara attraverso cui sviluppare la creazione di tutti i tipi di contenuti, compresi gli annunci Adwords e la struttura della campagna: scelta del target, orari e luoghi di pubblicazione, parole chiave, rete di ricerca o display, remarketing, ecc…

La risposta di 39Marketing alla domanda nel titolo è certamente:  Google Adwords e Content Marketing sono parte di un unico piano di comunicazione online aziendale.

www.39marketing.it

Il #buongiorno di 39Marketing – 2 – il risveglio del content marketing

Domenica 31 gennaio


Sabato 30 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì  29 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Giovedì  28 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì  27 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 26  gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì  25 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js

Segui 39Marketing su Twitter

Perchè creare un mini sito tematico?

office-605503_960_720Vi ricordate ancora i tempi in cui pubblicare un sito significava lavorare di codice, accettare la costrizione di un modello rigido, affrontare costi importanti e dipendere da fornitori esterni?

Dimenticate tutto questo. Ora andare in linea con un sito è semplicissimo: bastano pochi euro (circa 20 €) per acquistare il dominio (l’indirizzo del sito web) e poi scegliendo le soluzioni anche gratuite come wordpress.com, webs.com, ecc essere online in pochi minuti con template affascinanti e personalizzabili.

Davvero? certamente è così. Ecco perchè come agenzia di content marketing lo suggeriamo spesso ai nostri Clienti.

Quando si hanno queste esigenze

  • linee di prodotto diverse tra loro
  • un prodotto o soluzione su cui si punta per ottenere la maggior parte del fatturato
  • eventi o iniziative speciali
  • lanci di prodotto
  • campagne elettorali

avere un mini sito dedicato aiuta la creazione e raccolta di contenuti ad alta focalizzazione, per poter raggiungere un pubblico mirato e interessato alla proposta comunicata.

macbook-624707_960_720Dal punto di vista della grafica infatti, è possibile trovare ottime soluzioni presso i fornitori di sistemi per la pubblicazione di siti web, quello su cui è importante lavorare sono i contenuti che devono raggiungere il giusto target e portarlo a volerci contattare per sceglierci come fornitori!

La grafica offerta dai motori di pubblicazione come wordpress, jimdo, webs, è infatti ormai paragonabile e indicizzata da Google, ma il punto fondamentale è scrivere e pubblicare immagini capaci di comunicare al meglio i contenuti aziendali.

Gli esempi sono moltissimi e sempre positivi. Vuoi saperne di più? Contattaci

Il Content Marketing è il tema, articoli, immagini, video e infografiche lo svolgimento

word-cloud-679938_960_720Realizzare un piano di Content marketing significa organizzare i temi base per la promozione dell’azienda o dei prodotti, attorno a cui sviluppare i singoli articoli, immagini, infografiche, annunci Google Adwords, comunicati stampa, ecc…

 

I Temi del piano di Content marketing rappresentano l’espressione marketing degli obiettivi di vendita, per questo motivo sono

  • stabiliti per un periodo medio lungo,
  • non soggetti a capricci o umori del momento
  • dai risultati quantificabili e misurabili

Inoltre, consentono di definire il set di parole chiave da usare sempre in tutti i contributi scritti.

Leggi l’articolo completo pubblicato su LinkedIn 

 

Il #buongiorno di 39Marketing – 1- il risveglio del Content Marketing

january-1041611__180Domenica 24 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Sabato 23 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Venerdì 22 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Giovedì 21 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Mercoledì 20 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Martedì 19 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js


Lunedì 18 gennaio

//platform.twitter.com/widgets.js

 

Segui 39Marketing su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: